Credito d’imposta energia: chiarimenti di ARERA

Pubblicato il 13 Ottobre 2022 alle 10:11

Credito d’imposta energia: chiarimenti di ARERA

ARERA -Autorità di regolazione per energia-, reti e ambiente, chiarisce alcuni obblighi dei fornitori nei confronti delle imprese beneficiarie dei crediti d’imposta “energetici”.

Ricordiamo infatti che le imprese possono richiedere al proprio fornitore di energia il calcolo dei crediti d’imposta spettanti, a condizione che si riforniscano dallo stesso fornitore di energia elettrica o di gas naturale da cui si rifornivano nello stesso periodo dell’anno 2019.

ARERA ha specificato che, anche qualora le richieste delle imprese per il calcolo del credito d’imposta pervengano in una data successiva rispetto ai 60 giorni dal termine del trimestre di riferimento inizialmente previsto, il fornitore di energia è ancora obbligato a inviare la suddetta comunicazione. Quindi, ad esempio, è possibile richiedere al proprio fornitore il calcolo relativo al secondo trimestre dell’anno, pur essendo scaduto il termine precedentemente fissato al 29 agosto u.s.

Contatta i nostri uffici per chiarimenti o maggiori informazioni.